9:16, picture profile, video verticali , vertical video

Perché ideare e produrre video verticali?

Immaginate di guardare un filmato sul vostro cellulare, probabilmente, la maggior parte delle volte, visualizzate i contenuti che vi sono proposti senza girare lo smarthphone. È provato che il 96% (Mobile Marketer) degli utilizzatori, guarda anche i video orizzontali tenendo il cellulare in verticale, questo significa vederli piccoli e con delle grosse bande nere sopra e sotto.

Immaginate di scorrere una pagina di facebook, dove i video partono in automatico, sicuramente è più immediato e attira maggiormente l’attenzione, un filmato girato e ottimizzato per essere visto in verticale. Non dovete girare il vostro device, se l’argomento v’interessa, non dovete riiniziare a guardarlo per visualizzarlo in modo corretto, e soprattutto siete immediatamente immersi nel cuore del video a pieno schermo e senza altre distrazioni.

Lo spostamento verso I video verticali è pilotato dalla domanda degli utenti, soprattutto dalla fascia dei più giovani. Mentre i consumatori, sono in modalità “mobile”, possono ruotare i loro telefoni in orizzontale, ma le tendenze dei dati suggeriscono che semplicemente non vogliono.

A parità di contenuti i risultati dimostrano che i filmati studiati per essere visualizzati in verticale, hanno tempi di visualizzazione e click-through molto più elevati.

Le agenzie pubblicitarie sono state le prime a testare le potenzialità di marketing di una piattaforma come Snapchat. Hanno scoperto che quando i loro annunci erano orientati verticalmente, avevano almeno fino a nove volte più engagement. Questo perché non ruotando il cellulare o il tablet i contenuti in verticale ovviamente occupano molto più spazio su schermo ed è più semplice visualizzarli anche con una mano sola. Questo successo diventa ancora più evidente se guardiamo gli sviluppi nel campo dei social network. Facebook e YouTube hanno da tempo implementato la possibilità di caricare video in verticale. Instagram Stories è diventato il clone perfetto di Snapchat, e adesso anche Twitter  a breve lancerà un suo sistema più semplice ed immediato per postare e condividere video.

Dato questo andamento è chiaro che ci sia sempre maggiore interesse nel settore pubblicitario per la creazione di video verticali, questo perché l’appetito degli utenti sta subendo una crescita esponenziale. Crescono in questo settore gli investimenti di molti brand soprattutto quelli legati all’universo degli early adopters.

Creare un video in verticale, è una sfida davvero interessante, è necessario concentrarsi su un nuovo modo di concepire lo spazio, è fondamentale concentrarsi su un soggetto. Tutto si condensa su una superficie che pur essendo virtualmente identica a quella dei video in orizzontale, ha delle caratteristiche completamente diverse. Tendenzialmente occorre creare inquadrature centripete.È necessario un approccio più simile a quello pittorico che non a quello filmico, anche considerando che questa tipologia di contributo solitamente è molto breve e spesso è visualizzata senz’audio o con il volume molto basso.

Uno degli aspetti più affascinanti ed efficaci è ricreare la stessa sensazione d’intimità che si ha quando si parla con una persona durante una video-chiamata. È uno stile di ripresa che si adatta molto bene all’utilizzo di un punto di vista unico, e a movimenti non troppo veloci o complessi.

Nel prossimo articolo vi parlerò in modo più approfondito degli aspetti tecnici e dei risvolti economici legati alla produzione dei video verticali. Ci sono diverse correnti di pensiero che riguardano il modo più efficiente di crearli e di gestirne gli aspetti produttivi.

Lascia un commento


Stai valutando di realizzare un video promozionale e vuoi sfruttare al meglio il tuo budget?

Fatti conoscere su tutti gli smartphone con un video verticale dinamico e d’impatto!