I video sviluppati con la tecnica della tipografia cinetica, sono un'ottima risorsa non solo perché sono divertenti da guardare, ma perché rendono le informazioni più facili da assimilare e ricordare.
Esempio di kinetic typography

Che cos’è la Kinetic Typography?

E’ uno stile di animazione che miscela testo e movimento, per dare maggior forza ai concetti e alle emozioni create dalle parole.

La Kinetic typography o tipografia in movimento viene utilizzata nel video per far volare, fluttuare, crescere, espandere, trasformare i caratteri. Il testo viene quindi utilizzato per creare delle composizioni, dove le parole a ritmo di musica interagiscono, dando così vita a diverse immagini delineate dalle forme e gli spazi di ogni singola lettera.

Gli elementi della tipografia
Esempio di kinetic typography

La Kinetic typography è un’ ottima tecnica per aggiungere enfasi a determinati contenuti. Questo può aiutare a trasmettere un particolare tono ed emozione, creando visuali assolutamente uniche. In altre parole permette di far confluire all’ interno di un unico mood più informazioni. Spesso ci si trova a dover comunicare diversi concetti che non sempre sono legati da un filo conduttore chiaro per chi vede il filmato. La conseguenza è una immediata perdita dell’attenzione. L’ostacolo può essere aggirato unendo le varie informazioni sotto un unico cappello che viene fortemente delineato dal tipo di animazione, dai colori utilizzati e dalla musica.

Nel testo convenzionale, le parole nella loro forma fisica sono “neutre”. Al contrario, la tipografia cinetica esalta il potere espressivo delle parole in modo che causino una reazione più immediata e involontaria nel lettore. Sfidando le convenzioni del testo orizzontale, l’obiettivo è quello di attirare l’attenzione di uno spettatore, costringendolo a tracciare visivamente le traiettorie delle parole che si muovono sullo schermo.

Kinetic Typography con elementi 3D

Il primo ad utilizzare questa tecnica nel 1959 fu Saul Bass, un pluripremiato regista e grafico nel film di Alfred Hitchcock North by Northwest. La sequenza di apertura del film comprendeva crediti che volavano fuori dallo schermo e svanivano nel film stesso, evocando l’energia e la suspense intrinseche del film.

Implementare tecniche di kinetic typography ai tempi di Saul Bass era un’operazione estremamente difficoltosa e assai costosa. Fortunatamente oggi la grafica computerizzata rende possibile la creazione di composizioni testuali visive incredibili, con movimenti e animazioni complesse, a costi assai più contenuti e alla portata di tutti.

E’ tuttavia importante affidarsi a professionisti del settore. Perchè se da un lato il potenziale tecnologico permette di creare risultati visivi unici, dall’altro rimane la necessità di costruire composizioni si di effetto, ma che siano prima di tutto funzionali al messaggio da comunicare.

Lascia un commento